Siamo vicini alla fine dell’anno e in questo articolo vi raccontiamo com’è andato il programma “Conosci i nostri boschi?” Passeggiate patrimoniali nei boschi, nei borghi e negli altipiani della Foresta Modello della Valle dell’Aterno.

11 passeggiate (2 di queste verranno recuperate nei prossimi mesi) che hanno raggiunto buona parte dei 15 comuni facenti parte di FMVA.

La prima, da San Benedetto in Perillis a Molina Aterno ha visto la partecipazione di decine di persone, e soprattutto il coinvolgimento delle realtà locali. Obiettivo primario delle passeggiate patrimoniali è infatti far conoscere i testimoni del territorio.

La Pro loco di San Benedetto ci ha aperto le porte dei musei del paese con ritrovamenti archeologici, lo storico frantoio e antichi strumenti; siamo entrati in una delle 80 grotte ancora conservate, utilizzate una volta per gli animali e per la vita sociale nei mesi invernali; abbiamo incontrato Pasquale, l’ultimo pastore di San Benedetto, incontrato le amministrazioni di San Benedetto e Molina, osservato una antica e ancora intatta capanna in pietra e conosciuto fiori piante e alberi lungo il percorso, e infine pranzato presso la Pizzeria “Da Zio Sam” di Molina. Le guide ambientali escursionistiche di Orsa Maggiore Trekking e Ambiente ci hanno accompagnato lungo il percorso, così come per quasi tutte le nostre passeggiate patrimoniali.

La seconda passeggiata dai Prati del Sirente a Secinaro, con 60 partecipanti, ha assunto un significato particolare perché ha visto la partecipazione della delegazione dal Canada di International Model Forest Network e dalla Toscana di Mediterranean Model Forest Network .
 I testimoni del territorio sono stati Arcobaleno Del Sirente, la associazione che gestisce il rifugio Precoine dove abbiamo pranzato al termine della passeggiata e il sindaco di Secinaro Noemi Silveri. Il ricercatore e botanico Giampiero Ciaschetti, le guide di Orsa Maggiore  Stefano Serafini e Roberto Corsini,  insieme alle consigliere Marina Paolucci e Silvia Scozzafava, hanno “raccontato” il paesaggio lungo il percorso.
Il terzo appuntamento ci ha visti camminare da San Panfilo d’Ocre a Fossa. Abbiamo visitato il convento francescano di Sant’Angelo e la chiesa di Santa Maria ad Cryptas, grazie alle amministrazioni di Ocre e Fossa e al gruppo Alpini di Fossa, siamo stati poi ospiti dell’allevamento di Notarantonio, visitato la necropoli di Fossa e infine partecipato allo straordinario concerto de I Solisti Aquilani nel museo dei bambini dell’Aquila MUMAQ.   
La quarta passeggiata è stata quella da Opi di Fagnano a Fontecchio, nella quale abbiamo incontrato Christian Rosa della amministrazione del Comune di Fagnano Alto, e coltivatore di frutti antichi, Domenico, coltivatore, Tonino Rosa, storica figura di Opi che ci ha raccontato di come sia cambiato il paese, il paesaggio e la coltivazione nel tempo. Marilena Scuotto, archeologa, ci ha portato alla scoperta dell’insediamento vestino di Sommovico, le guide di Orsa Maggiore Trekking e Ambiente, Stefano e Milena, ci hanno accompagnato in questa splendida giornata che si è conclusa a Fontecchio con un altro grande concerto de I Solisti Aquilani.
Il 26 agosto è stata la volta della passeggiata patrimoniale da Acciano alla Torre di Beffi: abbiamo incontrato Rosalba Masci della Associazione Culturale Achillopoli (ed entrati in casa del gigante di Acciano!), Roberta della Cantina Di Acciano, abbiamo visitato la cantina di Piero Maggi, ascoltato i sempre straordinari I Solisti Aquilani, e infine degustato le eccellenze del Cibario di Stefano e Serena, nostri soci e risorsa preziosa del territorio.
La sesta passeggiata è stata “Da Casentino a Villa Sant’Angelo e Stiffe: i boschi misti cedui ed i nuovi boschi di fondovalle”.
Abbiamo incontrato Monsignor Antonini e il prof. Mauro Cerasoli che ci hanno raccontato la storia di Tussillo, della sua antica chiesa e dei Barile, Marco Morante del CAI Rocca di Mezzo, Tina Cardabello e il suo grano Senatore Cappelli, Claire e Dan di Rito Pane, Alberto Liberati della Enoteca Casale Liberati, in una giornata particolare dedicata al nostro amico professor Bernardino Romano prematuramente scomparso, personaggio importante per il mondo accademico e ambientalista del nostro territorio.

16 settembre Passeggiata Patrimoniale “Da Bominaco (Caporciano) a Roccapreturo (Acciano), le praterie sulle antiche aree agricole e montane”.

Abbiamo incontrato il sindaco del Comune di Caporciano Alessandro Pernetta, Letizia dell’Agriristoro Le Origini, Mario custode dell’oratorio di San Pellegrino, che ci hanno raccontato del loro territorio con orgoglio ed entusiasmo.
Giampiero Ciaschetti, ricercatore e botanico, insieme alle guide di Orsa Maggiore  ci ha fatto conoscere la flora presente sul territorio. Sono state con noi le ricercatrici della Università degli Studi de L’Aquila per uno studio sulla percezione del bosco che stiamo svolgendo come FMVA.
Siamo arrivati all’Eremo di Sant’Erasmo e da lì scesi fino a Roccapreturo, per visitare la meravigliosa torre. Qui la geologa Federica Leonardis e il nostro presidente Alessio di Giulio ci hanno mostrato l’area sulla quale sorge la torre.
Per finire, pranzo dagli amici e soci di Il Cibario nella cornice unica del Castello Medievale di Beffi nel Comune di Acciano.
La ottava passeggiata patrimoniale ci ha visti camminare da Castelcamponeschi a Castello di Fagnano con visita al Castello e pranzo al Ristorante “Il Castello”. Abbiamo incontrato Francesco Giannini, coltivatore di zafferano nel Comune Prata D’Ansidonia, Sabatino Bianchi presidente della Pro Loco Prata D’Ansidonia, Cristina De Matteis vice presidente della Pro Loco Fagnanese e Marcello Rosa, consigliere di FMVA e delegato del Comune di Fagnano Alto.

Il 15 ottobre un’altra bellissima e partecipata Passeggiata Patrimoniale: ”Poggio Picenze, Valle del Campanaro. I rimboschimenti alle falde del Gran Sasso”.

Abbiamo incontrato il sindaco del Comune di Poggio Picenze Antonello Gianloreto, Franco Faraone di Agriturismo Statale 17 e socio di FMVA, Nunzio Galeota e Francesco Adiutori, due dei tre volontari che hanno creato I Sentieri delle Tre Pietre e Marco Manilla, consigliere di FMVA.
Accompagnati dalle guide di Orsa Maggiore Trekking e Ambiente insieme a Nunzio e Francesco, siamo passati per i due rifugi della Valle del Campanaro, visitato i tholos tra alberi di quercia, pino nero, cedro e orniello, e concluso la giornata con un pranzo conviviale a km0 da Statale 17.
Giornate di partecipazione e coinvolgimento che hanno avuto un grande successo, e nell’attesa di recuperare le due passeggiate rimandate, stiamo già pensando alla prossima edizione 2024.